E’ andata proprio così!

Chiarissimo prof Monti,

so che le piace essere chiamato così e amo rispettare la volontà del mio interlocutore. Caro Monti, dicevo, voglio raccontarle una storia, una storia nata nella speranza e conclusasi nella disperazione.

Era gennaio. Ed era anche molto freddo. Una di quelle giornate in cui il cielo è grigio e può fare neve. Dopo una notte abbastanza movimentata da pensieri di ogni sorta, ho fatto colazione ripercorrendo con la mente tutto quello che mi poteva essere utile. L’università era molto vicina, ma occupando una grandissima area, ho fatto in tempo a perdermi e a ritrovare la via. Anche questo in fondo mi era parso come un “segno”: forse era il mio giorno, era proprio destino che dovessi arrivare in tempo, proprio quando la segretaria delle risorse umane stava guidando tutti i candidati nella sala del concorso, in una struttura labirintica, con ponti ascensori a incastro e lunghi corridoi…non sarei mai riuscita a giungere a destinazione senza il suo aiuto.

Aspetto poco. Sono la terza, non faccio in tempo ad entrare realmente in ansia che sono già di fronte alla commissione a presentarmi. Trovo sguardi sereni, accoglienti, sinceri… le domande sono pertinenti, proprie di chi ha per lo meno sfogliato i miei lavori. La cosa mi gratifica e mi fa sentire a mio agio. Continuo a pensare che ci sia una speranza.

Tutto crolla quando metto il naso fuori dalla stanza e scopro che esiste già un candidato designato alla vittoria. E’ per lui questo concorso. Non posso crederci! Non può essere vero!

E tutte quelle storie sul cambiamento, sulla riforma, su una università nuova, dove sono finite? Ho perso ogni speranza pochi giorni fa, quando ho letto l’esito della selezione, che in modo laconico e pungente si limita a dire “the winner is…”, senza una motivazione, un punteggio, una graduatoria, un ben che minimo indizio  – valutativo si intende – che mi aiuti a capire cosa mi manca per vincere un concorso da ricercatore.

Carissimo Monti allora le chiedo, come italiana che crede al suo governo e ai sacrifici che ci ha chiesto, quando potrò riscuotere la mia fetta di equità? 

E’ andata proprio così!ultima modifica: 2012-01-27T15:34:00+00:00da ale_mika
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento