Ritorno in campo: una ricerca empirica sui gruppi AMA

Ah…

Credo che si colga dal titolo del blog e dal contenuto dei post…insomma…sappiamo tutti che faccio ricerca…e ricerca vuol dire stare sul campo…e allora ho deciso di raccontare quello di cui mi occupo adesso sperando di avere un po’ di visibilità in più.

Negli ultimi anni mi sono dedicata al tema del lutto e soprattutto dell’elaborazione nell’ambito dei cosiddetti gruppi di auto mutuo aiuto (GAMA).

Ho già fatto uno studio empirico sulla relazione tra elaborazione e ambienti virtuali (blog, forum, social network) e adesso ho deciso di ampliare lo sguardo cercando di capire come funzionano, quanti sono, chi li gestisce, come nascono etc…

Detto così sembrano boiettivi generici e banali..ma ho le idee chiare per cui ho diviso il progetto in fasi e al momento sono al primo step: questionario di screening per tutte le organizzazioni in cui è sensato pensare possano nascere i gruppi AMA e poi un questionario di approfondimento per i facilitatori di gruppi AMA.

Chi fosse interessato può dare una sbirciatina qui e qui!

am

Ritorno in campo: una ricerca empirica sui gruppi AMAultima modifica: 2009-10-09T14:27:00+02:00da ale_mika
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Ritorno in campo: una ricerca empirica sui gruppi AMA

  1. Salve,

    io sono un facilitatore del gruppo AMA del mio paese. Lei dice che i gruppi AMA (e non GAMA come lei ha scritto sopra) sono banali e generici. In base alla mia esperienza,vissuta sul campo,posso dirle invece che sono un valido aiuto per la risocializzazione.
    A me hanno aiutato molto ad uscire da una situazione di disagio e solitudine.

Lascia un commento